Quando si parla di inquinamento acustico e relativo isolamento, si rivolge quasi sempre l’attenzione verso l’esterno; strade, locali, vicini. Invece, a volte il problema “sei tu”; ovvero, sei tu la fonte del rumore, oppure hai necessità di un particolare silenzio non compatibile con la vita in condominio.

 

Che fare? Scartata l’opzione di trasferirsi in un cascinale dimenticato, opzione raramente praticabile  e spesso neppure conveniente, la cosa migliore è chiedere informazioni agli esperti del settore. Rivolgiti con fiducia a www.isolamentoacustico.roma.it, per fissare l’appuntamento per un sopralluogo. E probabile che ti consiglieranno di isolare solo una stanza, per le tue necessità personali.

 

I motivi per isolare la tua casa verso l’esterno

 

Potresti quindi concentrarti solo sulla camera da letto, oppure sullo studio in cui suoni o registri. Insomma quel locale nel quale rinchiuderti e isolarti dal mondo, non solo a livello acustico. Vediamo quando accade

 

La stanza di un musicista

 

Chi fa musica per lavoro deve esercitarsi, è fuori discussione. E diverse ore al giorno. Un pianista o un violinista suonano anche per 6  ore al giorno. Per quanto sia piacevole, col tempo può davvero infastidire i vicini; o anche gli altri membri della famiglia. Isolando la stanza in cui ti eserciti, avrai risolto il problema all’origine

 

Studio di registrazione

Oggi è sempre più frequente dover registrare video, audio e testi per lavoro, data la diffusione del materiale in digitale. Hai bisogno del massimo silenzio, un silenzio che in città, ma talvolta anche in campagna, non si trova. Chiedi allora un intervento di insonorizzazione per il locale in cui lavori.

 

Lavori notturni

Hai un pub o lavori in discoteca? Oppure sei spesso in contatto con colleghi dall’altra parte del mondo? Allora i tuoi ritmi sono diversi da  quelli del 98% dei tuoi vicini. Una buona idea è ricorrere all’isolamento acustico della tua camera da letto. Quando rientri all’alba, puoi muoverti senza disturbare, e ugualmente puoi dormire fino a mattina inoltrata senza i rumori della città.

Di Grey