associazione

Condividi

Partecipa!

Il tuo libero contributo sarà interamente devoluto alle attività di divulgazione della Chimica.
concorso

Il 30 settembre in tutta Italia si terrà l’undicesima edizione della Notte Europea dei Ricercatori, un evento che si ripete annualmente e che coinvolge contemporaneamente gli scienziati di tutta Europa in attività di divulgazione e diffusione del sapere scientifico. L’iniziativa è promossa sin dal 2005 dalla Commissione Europea, all’interno del Programma Quadro Europeo per la Ricerca e l’Innovazione HORIZON 2020, e coinvolgerà tutte le principali città italiane, dal nord al sud, tra le quali Torino, Milano, Pisa, Firenze, Bolzano, Reggio Emilia, Frascati, Roma, Lecce, Bari, Cagliari, Palermo, Ancona, Perugia e tantissime altre. Lo scorso anno sono state ben 22 le città coinvolte, mentre quest’anno saranno più di cinquanta, su oltre 250 in tutta Europa. Non si tratta di banali conferenze, ma di attività didattiche, museali e laboratoriali che permetteranno di dialogare con chi la scienza la costruisce ogni giorno e permetteranno anche al grande pubblico di avvicinarsi ai più avanzati risultati della nostra comunità scientifica.
Saranno in tutto sei i progetti che verranno portati avanti:
– Bright,
– Closer
– Luna 2016 – The Big Picture
– Made in Science
– Sharper
– Society

 

Notte Europea dei Ricercatori

 

SOCIETY, acronimo di “In Search of Certainty – Interactive Event To inspire Young people“, vuole mostrare come il miglioramento della nostra vita quotidiana e la soluzione delle sfide che la nostra società sta affrontando dipendano dalla ricerca. Society coinvolgerà le principali città emiliane, come Bologna, Cesena, Forlì, Ravenna e Rimini. La vicepresidente di Chimicare, Nicole Ticchi, fa parte del comitato organizzatore e sarà presente anche come ricercatrice. Il ricco programma prevede laboratori e aperitivi scientifici, ma anche dibattiti e conferenze come quella sull’inquinamento indoor, e può essere reperito qui.

    Made in Science è il progetto di più ampio respiro e coinvolge una ventina di città italiane, da Trieste a Palermo. Nella regione Lazio, insieme ai ricercatori, ci saranno anche gli studenti delle scuole superiori, che grazie alle duecento ore dell’alternanza scuola/lavoro potranno mettersi in gioco in prima persona per aiutare a progettare e gestire alcuni degli eventi, avendo così la possibilità di ammirare tutto l’impegno necessario per organizzare un evento di queste dimensioni. L’associazione Frascati Scienza, il vero motore di questo evento, ha appena inaugurato una “Casa della Scienza”, dove i bambini e gli adulti potranno svolgere attività ed esperimenti di chimica, biologia, astronomia e altro ancora. Inoltre è stato indetto un concorso, Made in Ideas, in cui è stato il pubblico stesso a decidere quale dovesse essere l’aspetto grafico di Made in Science, ed il vincitore si è portato a casa un premio in denaro e la soddisfazione di vedere la propria opera utilizzata per il progetto. Gli eventi che si terrano in tutta Italia sono pressoché infiniti, chi è interessato può accedere al programma completo regione per regione da qui.
    Bright, acronimo di “Brilliant Researchers Impact on Growth Health and Trust in research” (I ricercatori di talento hanno un impatto sulla crescita, la salute e la fiducia nella ricerca), è il progetto che coinvolge dieci istituzioni toscane e mira migliorare la percezione della ricerca e del lavoro dei ricercatori. Esperimenti, proiezioni, aperitivi, caffè scientifici e tante altre attività ruoteranno intorno alle tematiche di Salute e benessere, Nuove Tecnologie, Sviluppo Sostenibile, I Regni della Natura e il Patrimonio Culturale. Saranno coinvolte anche le scuole (come ad Arezzo), mentre all’Isola d’Elba si parlerà di Archeologia non solo con l’aiuto degli scienziati, ma anche di varie imprese turistiche, vitivinicole a gastronomiche. A Siena si terrà un concerto di Daniele Silvestri a cui seguirà un dibattito su “Storie, musica e visioni sull’Europa e il Mediterraneo”, ma saranno ben 66 gli eventi che si susseguiranno nelle vie della città. A Pisa si parlerà della complessità dei viventi e di come la fisica può aiutarci a comprendere meglio la vita insieme al dr. Angelo di Gerbo, ma ci saranno anche laboratori dedicati alla chimica alimentare e tante altre attività. Per il programma completo potete visitare il sito internet del progetto.
Piemonte e Valle d’Aosta saranno invece sede di CLoSER – Cementing Links between Science&society toward Engagement and Responsibility. Saranno coinvolte Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Torino, Verbania e Aosta, che ospiteranno numerosi eventi sul tema del rapporto tra Scienza e Società. Sono già online gli #HumanFaceOf (https://www.facebook.com/nottedeiricercatori.piemontevalledaosta/), nei quali vari ricercatori si sono prestati a delle veloci interviste doppie e che rappresentano un interessante punto di vista sul lavoro del ricercatore. Gli eventi sono numerosissimi: a Torino, oltre all’apertura straordinaria di vari musei, ci saranno attività per le scuole, giochi scientifici, conferenze e spettacoli serali; ad Alessandria giochi, laboratori, ludoteche ed esperimenti per bambini, ma anche conferenze e dibattiti per i più grandi; a Cuneo filosofia, letture scientifiche, laboratori e teatrali mentre ad Aosta l’energia elettrica la farà da padrone con varie esibizioni di veicoli elettrici. Il programma completo di tutti gli eventi può essere consultato qui.
A Bolzano si terrà Luna 2016 – The Big Picture. Il nome richiama il fatto che nel lavoro degli scienziati è necessario scendere nei più piccoli dettagli ma senza mai perdere il quadro generale. Più di 250 ricercatori su 16 location si divideranno tra laboratori, attività ed esperimenti per bambini e per adulti, su temi che spaziano dalle nuove tecnologie verdi, alla geologia, all’inquinamento, alla natura. In totale sono 120 le “stazioni” tra le quali poter scegliere, le trovate tutte nella pagina ufficiale del progetto.

SHARPER (SHaring Researchers’ Passions for Engagement and Responsibility) è invece il nome dell’evento che si terrà a Perugia, Ancona, Cascina, L’Aquila e Palermo. Innovazione, scienza e tecnologia saranno le parole chiave di questa giornata all’insegna dell’intrattenimento. Spettacoli, incontri e caffé scientifici coinvolgeranno il pubblico in prima persona, così come eventi come  lo Storytellers Night Show, nel quale i ricercatori racconteranno le loro storie e la loro ricerca, oppure il Light City Dress, che colorerà le facciate degli edifici simbolo delle varie città con immagini tratte dal mondo della scienza. Anche in questo caso, il programma completo città per città può essere scaricato dalla pagina dell’evento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *