Di centri estetici e singoli professionisti che si occupano di trucco semipermanente a Milano ce ne sono tanti, quasi uno in ogni piazza o quartiere. Quando, però, uno specialista di questo tipo è il migliore alleato della propria bellezza? Quando cioè, e perché, ci si dovrebbe rivolgere a chi sappia realizzare un buon make up semipermanente?

Cosa chiedere a un professionista del trucco semipermanente a Milano

Il primo falso mito che bisogna sfatare è che il trucco semipermanente possa sostituirsi a matite, rimmel, ombretti. Ossia: un make up di questo tipo può avere, certo, un valore estetico ma non è quella la ragione principale per cui si ricorre a una soluzione simile – che, del resto, ha un costo, dei tempi, dei processi di realizzazione che possono non essere semplici. Nella maggior parte dei casi, insomma, il trucco semipermanente è una soluzione a problemi come sopracciglia poco folte o dalla forma irregolare, labbra eccessivamente sottili e altri piccoli inestetismi che rendono poco armonico il viso e possono provocare disagio alla persona. I pigmenti utilizzati per il make up semipermanente assomigliano, infatti, a quelli usati per i tatuaggi e riescono a correggere simili “difetti”, senza far perdere l’aspetto completamente naturale al volto. In più, come suggerisce lo stesso nome della tecnica, possono durare diversi mesi, se non addirittura anni e senza richiedere aggiustamenti o ritocchi continui. Un professionista di trucco semipermanente, a Milano o in qualsiasi altra città, può rivelarsi insomma un ottimo alleato della propria immagine.

 

A patto, certo, che sia professionale e abbia una giusta formazione in materia. Non si tratta soltanto di conoscere le diverse tecniche, saper maneggiare strumenti e macchinari che servono alla realizzazione del make up semipermanente o avere le certificazioni indispensabili per operare nel campo. Quasi sempre chi è intenzionato a fare un trattamento di questo tipo pretende che gli operatori del centro estetico a cui si rivolge siano in primis suoi consulenti: per quanto possa essersi informato, infatti, difficilmente sarà a conoscenza di tutte le soluzioni praticabili ed è giusto – e bene! – comunque che valutazioni di questo tipo vengano fatte con un esperto e non siano frutto di fai da te.

Di Grey